Stadio di Roma, Vazio (Pd): “Bonafede, Di Maio e Fraccaro parlino”

Ecco le mie dichiarazioni riportate dall’agenzia ANSA sul caso dello stadio di Roma

“Piu’ passano i giorni, anche per la tendenza delle persone coinvolte a scaricare sugli altri le responsabilita’, e piu’ cresce la confusione sul ruolo di Lanzalone all’interno del Movimento 5 Stelle”. Lo afferma Franco Vazio, deputato del Partito democratico, a proposito dell’inchiesta sullo stadio della Roma.

“Il ministro Bonafede – spiega – dice di aver presentato, insieme a Fraccaro, Lanzalone alla Raggi, che l’avrebbe scelto. Per la Raggi e’ stata lei a incaricarlo, ma solo su suggerimento di Bonafede e Fraccaro. Di Maio dice che la presidenza dell’Acea era addirittura un premio a Lanzalone per l’aiuto prestato alla Raggi. Casaleggio lo trova ‘per caso’ a cene organizzate dalla sua stessa azienda e lo saluta. Dunque, nel Movimento 5 Stelle tutti conoscono Lanzalone, ne danno giudizi lusinghieri, lo invitano a cene segrete, gli affidano incarichi delicatissimi, ne fanno il crocevia di nomine anche di ministri e sottosegretari. E noi dovremmo credere che fosse li’ per caso? E’ chiaro che su tutta questa rete di rapporti deve essere fatta chiarezza. Chi fino a ieri ha vantato il monopolio della trasparenza non puo’ cavarsela con un ‘Chi sbaglia paga’: ci mancherebbe anche che i colpevoli la facessero franca. Casaleggio si dice fiducioso. Vorrei capire se il cambiamento per lui significa in realta’ insabbiamento, trasformismo e gestione delle inchieste con il minimo danno politico”.

“Chiedero’ per questo che i ministri Bonafede, Di Maio e Fraccaro vengano in Parlamento, per spiegare subito e senza omerta’ quale sia davvero il ruolo di Luca Lanzalone”, conclude. (ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *