Prescrizione: ok modifica e garanzia per processo breve

(ANSA) – ROMA, 7 FEB – “Il nostro obiettivo è che un processo duri poco, non che si estingua dopo 15/20 anni. Sostenere con orgoglio che la malattia delle durata irragionevole del processo sia curata dalla patologia della prescrizione è una cosa aberrante che mortifica chi vuole vedere i colpevoli condannati e gli innocenti a testa alta di fronte alla società. Per questo la proposta di riforma del processo penale a cui abbiamo lavorato fissa termini stringenti e impone un ritmo temporale al processo tale per cui è ragionevole pensare che i 15/20 anni diventeranno un ricordo. Ora con la spinta decisiva del PD la prescrizione “Bonafede” sarà cambiata profondamente”.

“Per chi sarà assolto in primo grado – prosegue – la prescrizione continuerà a decorrere e anche per chi sarà assolto in appello la sospensione della prescrizione (Bonafede) sarà cancellata all’origine, insomma come mai esistita. Per tutti questi nulla cambierà rispetto alla riforma Orlando”.

“Non mi pare uno scandalo affermare invece che chi viene condannato in primo grado e poi anche in appello per un omicidio o uno stupro debba aspettare la conclusione del processo. Nessuna presunzione di colpevolezza, ma una prescrizione alle porte del giudizio di Cassazione sarebbe agli occhi di un cittadino come un pugno nello stomaco”.

“Non voglio colpi di spugna, non voglio assolti sbiaditi dalla prescrizione, ma pretendo Giustizia e un processo breve da cui un innocente possa uscire a testa alta”. (ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *