LA LEGGE SUL “DOPO DI NOI”

camera

LA LEGGE SUL “DOPO DI NOI”

Il testo unificato, approvato alla Camera dei deputati il 4 febbraio 2016, frutto del lavoro di sintesi della Commissione Affari sociali di diverse proposte di legge, che raccolgono i contenuti di una precedente proposta di legge a prima firma Livia Turco esaminata durante la precedente legislatura. Il provvedimento più conosciuto come proposta di legge sul “dopo di noi” mira a introdurre misure che tutelino i disabili gravi nel periodo di vita successivo alla scomparsa dei genitori. In particolare, si propone di aumentare le tutele e potenziare i diritti delle persone con disabilità, in attuazione dei principi di cui agli articoli 2, 3, 30, 32 e 38 della Costituzione, della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità.

Trattandosi di materia che riserva alla Stato la definizione dei livelli essenziali delle prestazioni (LEP) e alle Regioni l’attuazione dei servizi nonché il controllo, il provvedimento delinea la procedura per individuare i livelli minimi essenziali delle prestazioni e nelle more del loro integrale finanziamento prevede l’indicazione di obiettivi di servizio per garantire l’omogeneità territoriale dell’accesso ai servizi del “dopo di noi”. Ciascuna Regione provvederà con autonomi interventi normativi.

Frutto dell’esperienza maturata in alcune Regioni, negli enti locali così come nel mondo del volontariato e del terzo settore, il testo parte dall’esigenza del disabile grave di continuare nella realizzazione del proprio “progetto di vita”, evitando il rischio di istituzionalizzazione nel momento in cui viene meno la famiglia e perciò è previsto il potenziamento delle esperienze di comunità e di cohousing. Il tema del “dopo di noi” è affrontato inoltre anche mediante la previsione di una serie di agevolazioni a vantaggio dei trust istituiti in favore dei disabili gravi. Il provvedimento passa ora all’esame del Senato per l’approvazione definitiva.

Per ulteriori approfondimenti si rinvia ai lavori parlamentari del provvedimento “Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare” AC 680 – 1352 – 2205 – 2456 – 2578, – 2682 (relatore Elena Carnevali del PD) e ai relativi dossier del Servizio Studi della Camera dei deputati.

Dossier n. 132 Ufficio Documentazione e Studi 5 febbraio 2016

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *