INTRODUZIONE DEL REATO DI TORTURA NELL’ORDINAMENTO ITALIANO

Introduzione del reato di tortura nell’ordinamento italiano

La Camera approva in via definitiva con 198 voti a favore e 35 voti contrari

La proposta di legge di iniziativa parlamentare, approvata definitivamente alla Camera dei deputati in quarta lettura, finalmente introduce nel nostro codice penale il reato di tortura, così come previsto dall’ordinamento internazionale.

Le distorsioni, gli errori, i reatFVazioi, anche quando commessi dalle Forze dell’Ordine, vanno puniti con severità, senza fornire opachi strumenti di copertura.

Nello stesso tempo possiamo affermare che questo testo risponde con efficacia e coerenza alle aspettative esistenti perché consentirà di colpire gravi comportamenti illeciti senza alcun pregiudizio per le Forze dell’Ordine che rappresentano una fondamentale risorsa per garantire “Giustizia e Sicurezza” nel nostro Paese.
E’ un grande onore essere stato il relatore di questo importante provvedimento e non posso nascondere una reale soddisfazione per aver contribuito a raggiungere un traguardo importante.
Una legge che dopo quasi 30 anni di attesa allinea l’Italia alla Convenzione ONU del 1984.
Per chi desiderasse approfondire il testo di legge approvato qui di seguito ecco il link al dossier predisposto dall’Ufficio Comunicazione e Studi del Gruppo PD alla Camera con rinvio ai lavori parlamentari.

Dossier N.215 Sul Reato di Tortura

Lettera aperta sul reato di Tortura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *