Decreto Genova, Vazio: “Lega-M5s impongono no a norme antimafia”

(ANSA) – ROMA, 17 OTT – “La Commissione Giustizia, forte dei voti di Lega e M5S, non impone il rispetto delle normative Antimafia nel Decreto Genova, cosi’ richiesto anche dal dott. Cantone, presidente ANAC, e dal Procuratore Nazionale Antimafia Cafiero De Raho”. Lo afferma Franco vazio, vice-presidente della Commissione Giustizia.

“Il fatto che il Ministro Toninelli – continua – voglia controllare il rispetto della legge antimafia, al netto delle sue proverbiali e recenti performance in tema di infrastrutture, e che proponga solo un debolissimo ed effimero ordine del giorno, la dice lunga sul peso di quelli che all’interno del Governo non intendono avere vincoli di questa natura – quelli che lui chiama ‘lacci e lacciuoli’ – e circa la voglia residua di legalità’ e di onesta’ del M5S”.

“Non opporsi con fermezza alla mafia e’ una vergogna, soprattutto se si pensa alle conseguenze di tali ‘infiltrazioni’ in tema di corretta esecuzione delle opere e di utilizzo di materiali delittuosamente alterati – calcestruzzo depotenziato. Una ferita insanabile alla legalità’ e uno schiaffo ai Genovesi che da subito hanno chiesto piena trasparenza e sicurezza nell’immediata ricostruzione del Ponte Morandi e delle infrastrutture collegate”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *