Coronavirus, AGRICOLTURA e PESCA: dal Pd emendamenti e richieste per 800 mln

Ecco i primi atti formali presentati al Senato: è il momento di passare dalle parole ai fatti.

Come avevo anticipato nelle scorse ore, sono stati formalmente presentati al Senato dal Pd sia l’emendamento normativo all’art. 78 del Decreto Legge 17 e sia un importante ordine del giorno per impegnare il Governo a stanziare nel prossimo Decreto Legge somme non inferiori a 800 milioni di euro a sostegno del settore agricolo e della pesca.

Da un lato, confermando gli importanti stanziamenti e quanto di utile già previsto dal Decreto in favore del settore, si vuole modificare subito l’art. 78 del DL all’esame dell’aula del Senato, introducendo la definizione di evento eccezionale a “Covid 19” ai sensi dell’art. 107 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea, per consentire la risarcibilità dei danni alle produzioni agricole anche attraverso le procedure previste dal decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102.

Dall’altro si chiede un impegno formale al Governo a provvedere, nel primo provvedimento utile, allo stanziamento di adeguate risorse, comunque in misura non inferiore a 800 milioni di euro, al fine di incentivare la prosecuzione delle attività delle imprese florovivaistiche attraverso:
– l’istituzione di un fondo o di una misura equivalente, con un’adeguata dotazione di risorse, per compensare le spese sostenute per la produzione e la mancata vendita e lo smaltimento del prodotto invenduto per il periodo febbraio 2020 – settembre 2020;
– estendere il c.d. “bonus verde”, di cui alla legge 27 dicembre 2017, n. 205, anche per l’anno 2021 aumentando l’importo massimo ammissibile da 5.000 a 10.000 euro”.

Le associazioni di categoria, con le quali ci siamo confrontati ancora in queste ore, hanno recentemente stimato i danni subiti dalle imprese agricole liguri in circa 250 milioni di euro.

Il presidente Conte ha confermato la volontà di aumentare le risorse per le aziende dei settori danneggiati dall’attuale emergenza.

Ebbene ora è venuto il momento di passare dalle parole ai fatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *