CONTRASTO ALLA POVERTA’

CONTRASTO ALLA POVERTA’

La Camera ha approvato il ddl del Governo per il contrasto alla poverta’, che introduce il reddito di inclusione. Il provvedimento passa ora al Senato.

I si’ sono stati 221 (i gruppi di maggioranza), i no 22 (Si) e gli astenuti 63 (M5s, Fi, Lega e Fdi)

Arriva il Reddito di Inclusione. Dopo anni di tagli ai fondi destinati al sociale, ora si inverte la rotta.

“Saranno sostenute inizialmente le famiglie con minori, le persone disabili e i cinquantenni rimasti senza lavoro ma, attraverso graduale aumento degli stanziamenti, la nuova misura vuole arrivare a difendere tutti coloro che si trovano in una situazione di povertà assoluta -molti, troppi – attraverso un contributo economico e servizi alla persona. Nessun assistenzialismo, ma risposte concrete per ridurre le diseguaglianze, un modo moderno, efficiente e davvero utile di concepire il welfare europeo”.

buonascuola

La legge delega prevede la creazione di un reddito di inclusione di contrasto alla povertà assoluta, una misura basata sia su trattamenti economici, sia sull’azione della rete dei servizi sociali. Non una misura assistenzialistica, ma un approccio che ha come obiettivo la dignità delle persone.

Si tratta della prima forma strutturale di reddito di inclusione per la popolazione in età lavorativa che non abbia mezzi per condurre un livello di vita dignitoso, non sperimentale o limitata a qualche zona, di carattere universale ed, ovviamente, sottoposta alla prova dei mezzi; cioè è rivolta a tutti coloro che si trovano sotto una determinata soglia di reddito.

La soglia individuata è quella della c.d. povertà assoluta, definita come l’impossibilità di disporre dell’insieme dei beni e dei servizi necessari a condurre un livello di vita dignitoso.

Un giorno storico per il quale il Presidente Renzi ha giustamente affermato “come “la prima misura organica della storia repubblicana contro la poverta”

Per chi volesse approfondire il provvedimento approvato ecco il relativo dossier predisposto dall’Ufficio Documentazione e Studi del Gruppo del PD alla Camera.

Dossier 165-2016

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *