Currently browsing category

Blog

Cordoglio per Rosy Guarnieri: “Donna forte, avversario vero”

Le parole dello “storico” avversario Franco Vazio sulla scomparsa di Rosy Guarnieri

La morte di Rosy Guarnieri segna per Albenga la perdita di una donna impegnata in politica molto determinata e mai doma. Un carattere forte, un linguaggio a volte aspro, mai incline ai compromessi.

Da lei mi ha diviso una profonda distanza di vedute politiche.

Una distanza però che, anche nei momenti e negli scontri politici più aspri, mai ha fatto venire meno un profondo e reciproco rispetto, anche dei ruoli istituzionali che nel tempo abbiamo ricoperto.

rosy-guarnieri-sindaco-albenga-147711.970x300

Appena ho saputo della Sua elezione Le ho subito scritto per congratularmi del risultato. Purtroppo non è riuscita ad assaporare ciò a cui certamente teneva moltissimo. L’elezione alla Camera dei Deputati resta per Lei, per la Sua famiglia e per i Suoi simpatizzanti la giusta  soddisfazione ed il riconoscimento per una vita fatta di battaglie sempre combattute in prima linea e con generosità.

Chiusura di campagna elettorale

Chiusura della campagna elettorale nell’imperiese… E’ stata una bella avventura e una campagna elettorale davvero emozionante e ricca di spunti di riflessioni per il nostro programma: abbiamo la possibilità di proseguire con forza il cammino intrapreso in questi anni, risanamento e crescita economica, diritti, lavoro e tenuta sociale. I cittadini e gli elettorali non possono sprecare questa possibilità: affidare il governo del Paese a persone capaci, competenti e del territorio!

W il Pd!!!

Nuovo circolo Pd a Finale Ligure

La sede si trova in vico Buraggi ed è intitolata ad Attilio “Bruno” Folco.

WhatsApp Image 2018-02-20 at 18.02.21

Abbiamo ricordato una personalità importante per il nostro partito e per la nascita del circolo Pd a Finale Ligure. Bella sede, bella inaugurazione, un momento di festa e ricordo ma anche di riflessione politica nelle fasi concitate della campagna elettorale. Tanta gente, tanti iscritti e simpatizzanti del Pd…

 

Amare la politica, sentire l’impegno per la cosa pubblica come servizio per la comunità, con l’obiettivo di migliorare le condizioni di vita dei cittadini.

Pd, una grande comunità

Oltre 100 persone hanno partecipato alla cena di autofinanziamento a Vadino. Abbiamo parlato, abbiamo provato a spiegare perché è necessario proseguire il lavoro fatto in questi anni di governo: risanamento finanziario e rilancio economico, lavoro, sociale, giustizia e diritti…

Siamo una grande comunità. Grazie a tutti!!!

WhatsApp Image 2018-02-20 at 09.15.02(1)

Area di crisi complessa: il Pd c’è

La firma in Regione da parte del Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda dell’accordo di programma per l’area di crisi complessa è un passaggio fondamentale per il futuro dell’economia savonese e valbormidese.

Qualcuno come la Regione (l’assessore Edoardo Rixi e il presidente Giovanni Toti) sta provando ad accaparrasi meriti non dovuti, contando che il riconoscimento e il via libera per l’area di crisi industriale è arrivato grazie al forte pressing dei parlamentari locali del Pd, grazie al lavoro della Provincia di Savona e del presidente Monica Giuliano, oltre al ruolo decisivo svolto dalle organizzazioni sindacali e al coordinamento tecnico-operativo messo in campo.

800px-Vado-Ligure

L’arrivo delle risorse per l’area di crisi complessa nel savonese (20 mln di euro) rappresenta un risultato storico e fondamentale per il futuro economico del territorio: il progetto di riconversione economica e ripresa occupazionale può così partire con i bandi e l’individuazione dei soggetti imprenditoriali che andranno ad occupare le aree a disposizione.

Credo che sul fronte della rinascita economica di questa provincia abbiamo fatto il massimo: ora è indispensabile concludere alcuni tavoli di trattativa importanti e delicati, come quello sulla Piaggio Aerospace. Sulle vertenze in atto noi siamo stati presenti, abbiamo parlato e fatto pressioni sulle aziende, abbiamo tentato di trovare soluzioni, altri invece non c’erano…

(Qui è possibile consultare tutta la documentazione).

Il patto antifascista: memoria storica e azione politica

Abbiamo sottoscritto il patto “antifascista”: a Vendone, davanti al cippo che ricorda la prima esecuzione di “Fischia il Vento” di Felice Cascione. Ringrazio l’associazione “Fischia il Vento” e l’Anpi del ponente ligure per l’iniziativa.

Il ritorno dei fascisti, degli estremisti e di un passato nefasto impongono una forte azione da parte di tutti noi, non solo a livello di memoria storico-politica ma anche sotto il profilo dell’azione e delle iniziative concrete.

27972679_893812914157886_1540788242708821354_n

La preoccupazione è quella che da parte di alcuni partiti, come la Lega Nord, arrivino segnali inquietanti, con evidenti rigurgiti neofascisti e razzisti contrari ai nostri valori, ai nostri principi democratici e di convivenza civile.

Rinnovare oggi un patto sui valori fondanti della nostra Repubblica e della nostra comunità nazionale è quanto mai attuale e importante, proprio in questo momento storico, difficile e a volte confuso.

Sottoscrivere il patto antifascista significa rinvigorire i valori di libertà, sovranità, uguaglianza, partecipazione, dignità sociale e sviluppo sanciti dalla nostra Costituzione: la Resistenza è dentro di noi, nel nostro Dna e nessuno si deve permettere di cancellarla!

(QUI IL VIDEO)

Di seguito la storia di Felice Cascione: 

Felice nacque a Imperia nel 1918. Al ginnasio della sua città conobbe e strinse amicizia con Alessandro Natta, futuro segretario del PCI. Si iscrisse poi a medicina che frequentò prima a Genova, poi alla Sapienza e infine a Bologna, dove si laureò nel 1942. Durante gli anni universitari fu campione internazionale di pallanuoto, sport che aveva cominciato a praticare fin dall’adolescenza nel porto di Imperia. Nello stesso anno si iscrisse al Partito Comunista Clandestino dal quale era stato avvicinato in segreto alla casa dello studente di Genova. Edificio, oggi di nuovo studentato, che dal ’43 al ’45 fu tristemente noto agli antifascisti liguri poiché sede del comando della Gestapo. Luogo di terribili torture narrato in tutta la sua crudeltà nel libro Il mio granello di sabbia di Luciano Bolis.

Il medico Cascione, U Megu divenne il nome di battaglia, aderì da subito alla resistenza nel settembre del ’43 e costituì la prima banda partigiana dell’imperiese. Alla squadra partigiana comandata da Felice Cascione si aggiunse Giacomo Sibilla, nome di battaglia Ivan, reduce dalla campagna di Russia. Nella regione del Don, Ivan aveva fatto conoscenza con prigionieri e ragazze russe, e da loro imparò la canzone Katjuša. Ivan la portò nella mente con sé in Italia, e una volta in montagna, unendo i versi di una poesia scritti da Felice mentre si stava laureando a Bologna, nacque Fischia il Vento, l’inno più celebre della lotta di Liberazione. La canzone fu cantata per la prima volta a Curenna nel Natale 1943, luogo dove si trova ora il cippo commemorativo di Felice Cascione, che morirà in battaglia, ucciso dai nazisti, soltanto un mese dopo: il 27 gennaio 1944.

Assieme per continuare il cambiamento

“In ogni piazza, per ogni persona… Insieme per continuare l’azione di governo avviata in questi anni: risanamento finanziario, ripresa economica e occupazionale, riforme in tema di diritti e giustizia. Il Pd ha messo in campo ottimi candidati e un programma vincente in grado di affrontare le sfide dei prossimi anni e portare altri benefici al territorio ligure e savonese”

Manifesto elettorale

 

Impegno, passione e competenza

Il parlamentare uscente Franco Vazio: “Onore essere capolista, sfida di grande responsabilità”

WhatsApp Image 2018-01-15 at 12.40.35

E’ un onore essere stato chiamato a rappresentare come capolista il PD nel collegio proporzionale di ponente della Liguria; una candidatura di prestigio che è carica di grandi responsabilità.

Il PD si presenterà alle prossime elezioni in Liguria con liste fortissime e con candidati competenti e fortemente radicati nel territorio.

Sarà una sfida che combatteremo senza risparmiarci, spiegando alle famiglie e alle imprese i risultati eccellenti ottenuti in questa Legislatura, ma soprattutto il grande lavoro che vogliamo completare per rafforzare la crescita economica del Paese, per costruire nuove ed ulteriori opportunità di lavoro per i giovani e per disegnare un futuro per l’Italia fatto di eccellenze dove tutti possano farne parte.

Per i prossimi 5 anni saremo ancora sul territorio e per il territorio perché ne conosciamo le potenzialità e le crisi che sta vivendo e perché non vogliamo abbandonare nessuno alle proprie difficoltà.

Inaugurazione Opere Parrocchiali di San Michele Albenga

opereIo c’ero a giocare a pallone da bambino nel “campetto di S.Michele”, quando Salvatore Nicosia “Nico”, Aldo Fontana, Antonio Olivieri ed il Curato don Pietro Stalla ci insegnavano il calcio e a diventare dei bravi “ometti”.

Io c’ero quando, ragazzo, chiedevamo al Parroco Don Damonte uno spazio più grande per giocare e vivere la Parrocchia.

Io c’ero, ed ero Vice Sindaco, quando in Comune ci hanno presentato il progetto del Polo Scolastico Diocesano e delle Opere Parrocchiali .

Io c’ero con il Sindaco Tabbò quando abbiamo combattuto e vinto le diffidenze di molti – politici, insegnati e tecnici – e poi quando abbiamo dato il via libera al progetto con i soli voti della nostra Maggioranza, perché tutta la Minoranza (Forza Italia e Lega) era uscita dall’Aula.

Io c’ero ieri all’inaugurazione, ed è stato bello perché ho ripercorso tanta parte della mia vita.

Il Coraggio della Diocesi e della Parrocchia a volere un Opera così importante consegna ai nostri giovani un luogo bellissimo dove incontrarsi, guardarsi negli occhi e parlare.

Le Opere Parrocchiali non sono cose del passato e che non servono.
Io e molti miei amici, nelle OP abbiamo giocato, abbiamo discusso e a volte litigato, siamo diventati “grandi” e a nostra volta educatori, abbiamo conosciuto le persone che amiamo e con le quali abbiamo costruito il nostro futuro.

Facebook e gli altri Social, sono una piazza virtuale, importantissima per conoscere e capire, ma l’incontro personale e la comunità reale sono insostituibili.

Grazie a tutti quelli che ci hanno creduto e che oggi hanno reso possibile continuare questa storia bellissima.

Grazie fin d’ora a tutti gli educatori che in questo luogo faranno crescere e diventare “grandi” i nostri figli.

Franco Vazio

Ci ha lasciato Ausilia!

IMG_2891 (600x800)Ci ha lasciato Filippone Elena, per tutti noi Osiglia.

Ci mancheranno il suo entusiasmo, la sua voglia di stare in mezzo alla gente, di adoperarsi per per tutti.

Mi ha abbracciato, rincuorato, spronato con un affetto senza eguali.

Con Lei abbiamo condiviso momenti bellissimi, l’ho vista piangere nei momenti duri e tristi, l’ho vista fare festa urlando la gioia che le veniva dal cuore.

Il Partito Democratico perde una donna che voleva essere semplice, ma che sapeva essere grande nei comportamenti e nella generosità.

Una donna che non sentiva il peso degli anni e la fatica di tante battaglie e che ha saputo animare con l’esempio la vita politica di Albenga.

Il Centro Anziani della nostra città non sarebbe oggi quello che è, se lei come Presidente non lo avesse preso per mano per tanti anni.

Semplicità, entusiasmo, rigore morale e generosità: a me piace ricordarla così.

Anche se da oggi non sarai più con noi, tutto ciò ci aiuterà  e ci ricorderà che le scale del Comune e del Partito si salgono per i bisogni degli altri, degli ultimi.

Così come hai sempre fatto tu.

Ciao Osiglia