Currently browsing category

Blog

Festa dell’Unità: il programma

Al via domani sera il più classico degli appuntamenti estivi del Partito Democratico: la Festa de L’unità che quest’anno si svolgerà nei bellissimi spazi della SMS La Rocca di Legino a Savona per due week end: il 13-14-15 e il 20-21-22 luglio prossimi.

Per sabato 21 luglio è in programma una intervista con il vice presidente della commissione giustizia Franco Vazio.

Sono tante le iniziative in programma, con stand gastronomici e ottima cucina, musica dal vivo, laboratori e animazione per i più piccoli – in programma sabato e domenica dalle 19.30 alle 21 – e un ciclo di incontri interessanti nel dopo cena che affronteranno temi a 360°.

“Dopo il 4 marzo abbiamo intrapreso un cammino di coraggio e di umiltà con al centro la discussione sulle ragioni della sconfitta e sulla sostanza delle nostre politiche di questi anni – spiega Giacomo Vigliercio, Segretario Provinciale PD -. Solo ripartendo dai fondamentali possiamo elaborare una nostra idea, definita, rinnovata e rimotivata, del futuro dell’Italia e dell’Europa. Non possiamo farlo da soli ma con un confronto aperto e di merito coinvolgendo le persone. La Festa di quest’anno – continua il Segretario -, si presenta proprio con questo spirito: il nostro Partito sta attraversando una fase di forte rinnovamento e ricostruzione del proprio radicamento e della propria capacità di dialogare con l’esterno. Il programma delle serate è stato pensato per costruire una Festa che fosse la festa del territorio. I giovani: cosa pensano davvero di quello che è accaduto negli ultimi anni e di cosa sta accadendo; l’economia e il lavoro: perchè se si ha un lavoro si può ricominciare a vedere anche un futuro; l’Europa: perché l’Europa dei popoli va rafforzata e riformata per garantire a tutti noi un periodo di stabilità e pace. L’Europa dei diritti e delle opportunità che ci permettono di crescere. E l’idea che con il pilastro sociale le tutele e diritti avanzati su lavoro e welfare possano divenire comuni in tutto il continente; la Cultura e la Politica, perché di cultura si parla sempre troppo poco e se questa fosse nelle agende di tutti i partiti forse vivremmo in un Paese più bello, più ricco e più giusto”.

Domani inaugura negli spazi della SMS La Rocca anche la mostra “La U de l’Unità – 31 creativi in libertà di tratto e di pensiero” che sarà oggetto di una serata particolare e di una tavola rotonda venerdì prossimo 20 luglio con la presenza confermata di Luca Borzani, già presidente della Fondazione Palazzo Ducale di Genova e di altri ospiti. Inaugura domani anche la mostra delle tavole di Carlo Sipsz sulle proteste savonesi dopo l’attentato a Palmiro Togliatti.

Tra le novità, anche l’inaugurazione di un punto bookcrossing che resterà poi patrimonio della SMS La Rocca e di tutto il quartiere. L’invito a tutti pertanto è quello di portare un libro durante le serate di festa da regalare alla comunità per contribuire a far circolare la cultura.

“Abbiamo coinvolto alcune associazioni ed enti che sono radicati nell’azione sul nostro territorio – prosegue il Segretario -. Tanta è la strada da fare ancora ma noi siamo pronti per ricominciare a camminare con tutti i compagni di viaggio che avranno voglia di ascoltare e imparare, partecipare e essere felici. Pronti a ricostruire le alleanze nei confronti di chi ha una visione della giustizia sociale vicina alla nostra. Un’occasione per tornare a essere la comunità che tanti ci hanno invidiato e di cui tanti di noi hanno sentito la mancanza”.

Si parte venerdì sera con l’incontro con i nostri amministratori di Comune di Savona, Provincia e Regione che verranno intervistati da Felix Lammardo Direttore editoriale di Savonanews.it. L’incontro sarà l’occasione per fare il punto sul lavoro degli amministratori, sui temi più sentiti e per condividere insieme e raccogliere idee e proposte utili per migliorare il nostro territorio.

Sabato 14, una serata dedicata soprattutto ai giovani. Si parte con incontro dal titolo attuale con l’Anpi provinciale: essere antifascisti oggi. Cosa significa? Si prosegue con una vera e propria tavola rotonda in cui saranno i giovani ad essere protagonisti di un format originale dal titolo “20 anni i pensieri di ieri, quelli di oggi e quelli di domani”. Partendo dai principali fatti avvenuti nel 1998 – quando molti dei giovani presenti nascevano o avevano pochi anni – proviamo a parlare di che cosa sta accadendo intorno a noi e di come vogliamo costruire, insieme, il prossimo domani. Parteciperà anche Mattia Zunino, Segretario nazionale GD.

Domenica 15 alle 21 si parlerà invece di “Lavoro: infrastrutture, porto, imprese per lo sviluppo del nostro territorio”. Si parlerà del porto di Savona con i temi legati a sviluppo economico ed ambiente, dell’area più vasta in cui il capoluogo è inserito e che presenta potenzialità da cogliere soprattutto in termini di nuova occupazione, il necessario collegamento tra area di crisi complessa e politiche infrastrutturali e del protagonismo che la città deve recuperare ma che attualmente il Sindaco di Savona non sta esercitando. Modera l’incontro Matteo Rainisio, editore di IVG.it e partecipano: Monica Giuliano, Presiodente della Provincia e Sindaco di Vado Ligure, Andrea Pasa Segretario generale della Camera del lavoro di Savona e Mariano Rosasco, Ingegnere.

È possibile vedere programma e la brochure completa della festa a questo link https://www.partitodemocraticosavona.it/programma-festa-unita-savona-2018/

Sulla pagina facebook @PDsavona le news e tutti gli aggiornamenti

Il programma del primo fine settimana di Festa

Venerdì 13
19.00 Apertura stand gastronomici
20.30 Ripartiamo dai fondamentali. Incontro con i Consiglieri presenti nelle amministrazioni del Comune di Savona, Provincia di Savona, Regione Liguria.
21.30 Musica con “Studio Nadar” in concerto

Sabato 14
19.00 Apertura stand gastronomici
19.30 – 21.00 Laboratori per i più piccoli
20.30 Essere antifascisti oggi. Confronto. Partecipa l’Anpi provinciale.
21.30 20 anni. I pensieri di ieri, quelli di oggi e quelli di domani. Una chiacchierata ad ampio respiro con i protagonisti di domani.

Domenica 15
19.00 Apertura stand gastronomici
19.30 – 21.00 Laboratori per i più piccoli
21.00 Parliamo di Lavoro: infrastrutture, porto, imprese per lo sviluppo del nostro territorio.

TUTTO IL PROGRAMMA

Torna la Festa dell’Unità, prime anticipazioni…

Sta per essere ultimato il programma della Festa de L’unità che quest’anno si svolgerà nei bellissimi spazi della SMS La Rocca di Legino per due week end: il 13-14-15 e il 20-21-22 luglio prossimi.

Studiowiki, in collaborazione con la Fondazione Centofiori, ha proposto che la campagna sia a firma collettiva di artisti, disegnatori, illustratori, art director, designer, grafici e soggetti variamente appartenenti all’ecosistema della creatività che hanno ridisegnato e reinterpretato in totale libertà di tratto e di pensiero, l’iconica U. Sono più di 30 le U pervenute che diventeranno manifesti, sia digitali sia cartacei, per l’edizione 2018 della Festa. I manifesti saranno affissi in città e saranno postati sulla pagina social del Partito Democratico provinciale. Molto alta la qualità delle opere pervenute con qualche sorpresa che onora la causa e che verrà svelata strada facendo…

Perché? La Festa ha assunto nel tempo e nelle diverse località differenti logotipi. L’elemento caratterizzante è tuttavia il lettering della testata del giornale l’Unità, e, di questo, la “U” iniziale rappresenta il vero e proprio marchio distintivo.

Un radicamento nella tradizione che può essere oggetto di declinazione. Durante la festa sarà possibile ammirare tutte le U che hanno partecipato al contest creativo e nella serata di venerdì 20 luglio, i disegni originali di coloro i quali hanno usato la tecnica del disegno e la stampa numerata e firmata di coloro i quali hanno utilizzato la computer grafica (più o meno la metà), potranno essere acquisite con un’offerta in busta chiusa. Il ricavato andrà a sostenere un progetto per l’Emporio della Fondazione Diocesana Comunità Servizi Onlus. È il primo emporio solidale a Savona nato per aiutare chi si trova in temporanea difficoltà economica: un luogo di distribuzione di prodotti di prima necessità. L’Emporio è promosso dalla Caritas diocesana di Savona e gestito dalla Fondazione diocesana ComunitàServizi onlus.

La serata del 20 ospiterà anche una tavola rotonda che tratterà il tema sempre attuale del rapporto fra cultura, politica e creatività, perché compito dei creativi – riprendendo il dialogo tra Vittorini e Togliatti sulle pagine del Politecnico nel 1947 – è quello di contribuire a innescare un rinnovamento culturale del paese di cui si sente l’impellente necessità. La cultura infatti deve rientrare a pieno titolo nel recupero dei fondamentali che occorre fare in questa fase di collegamento e rilancio del Partito Democratico. Senza un impegno culturale che dia orizzonte e respiro alla nostra società ogni azione rischia di essere infatti limitata.

Nei prossimi giorni sarà disponibile il programma completo della Festa che avrà tra gli altri temi anche quello dell’Europa con una serata dedicata a giovani e futuro alla presenza dell’europarlamentare Brando Benifei.

L’ultimo saluto a Don Sappa, grande uomo e grande sacerdote

Al Sacro Cuore di Albenga abbiamo dato l’ultimo saluto a DON SAPPA, un grande uomo, un grande sacerdote.

Mons. Vescovo Borghetti ha detto di lui “..ha lasciato traccia, ha lasciato traccia, ha lasciato traccia…”.
Si, profonda e forte.

Don Gigi, il nostro Parroco, commosso, ha pronunciato tante volte grazie Don..!!!
In una chiesa, nella sua chiesa, gremita dei sui ragazzi, del suo “oratorio”, di chi ha voluto salutarlo con semplicità, abbiamo sentito una volta ancora la forza delle sue parole e delle sue mani.
Mons. Suetta mi ha detto che non è una giornata triste… Ha ragione lui perché la storia, la bella storia del suo oratorio continua.

Ciao Don, prega per noi!!!

M5S-Lega: dilettanti o imbroglioni?

Minniti, flat tax al 24%? L’abbiamo gia’ fatta noi!!!

CONDIVIDO APPIENO LE PAROLE DI MARCO MINNITI…Altro che “rivoluzione giallo-verde”: fuffa e copia-incolla…

“Avevano detto che facevano la flat tax e l’hanno rimandata gia’ di un anno, ora la faranno solo per le imprese portando la tassazione al 24%. C’e’ un piccolo particolare, lo abbiamo già’ fatto noi.Uno che arriva il primo giorno di governo e mi dice di voler fare una cosa che ho già’ fatto c’e’ qualcosa che non va bene. O sono dei dilettanti o degli imbroglioni….”.

Un nuovo percorso…

Condivido totalmente le parole di Matteo Renzi…

Il governo Lega-CinqueStelle non piace all’Europa. Probabile, dico io. Aggiungo: non piace nemmeno a me, nemmeno a molti di noi. Ma dobbiamo parlarci chiaramente, amici: quello che conta non è ciò che piace a noi o alla Commissione Europea, ma ciò che piace agli italiani.

Il 4 marzo il popolo ha parlato. E se la democrazia è una cosa seria, adesso tocca a loro; altrimenti tanto varrebbe non votare.
Salvini e Di Maio hanno la maggioranza in Parlamento, con buona pace di chi diceva che il Movimento Cinque Stelle è un partito di sinistra. Devono rispettare le promesse folli e irrealizzabili che hanno lanciato e rilanciato sui social e nelle piazze: riusciranno a fare una sola aliquota al 15% (flat tax) e dare 1.680€ netti al mese alle famiglie senza lavoro con due figli? Cosa racconteranno a chi farà la fila per il reddito di cittadinanza? Proveranno davvero a rimpatriare 600.000 persone e chiudere Ilva, bloccare Tav e Tap, fermare le grandi Opere? Avranno la forza di cancellare Jobs Act, Buona Scuola, le nostre leggi sui diritti civili e sociali?
Hanno promesso tante cose. E su quelle promesse hanno vinto: chiederemo conto delle loro bugie elettorali, ogni giorno. Perché la democrazia non è uno scherzo e dopo questa esperienza di governo giallo-verde sarà chiara a tutti la differenza tra l’estremismo delle promesse a vuoto e il buon senso delle riforme. Sto ricevendo tante email di persone che hanno voglia di non arrendersi, di ripartire, di darci una mano. Teniamoci in contatto, amici, perché non sarà uno scherzo nemmeno la nostra opposizione, durissima. Diremo con forza NO quando si tratterà di dare la fiducia al Governo. Ma a differenza di altri lo faremo rispettando sempre le Istituzioni e il Governo della Repubblica. Perché noi siamo diversi da chi insulta, da chi odia, da chi illude. E lo dimostreremo anche dall’opposizione. Coraggio amici. Ci aspetta una strada lunga, facciamola insieme…

Ecco i post
<iframe src=”https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Ffrancovazioufficiale%2Fposts%2F1827926317227693&width=500″ width=”500″ height=”482″ style=”border:none;overflow:hidden” scrolling=”no” frameborder=”0″ allowTransparency=”true” allow=”encrypted-media”></iframe>

<blockquote class=”twitter-tweet” data-lang=”it”><p lang=”it” dir=”ltr”>Proposta di accordo <a href=”https://twitter.com/hashtag/ILVA?src=hash&amp;ref_src=twsrc%5Etfw”>#ILVA</a> fatta oggi dal Governo e bocciata dai sindacati. Raccomandazione a chi è più direttamente interessato: leggetela con attenzione e conservatela con cura. Ora dossier passa a nuovo Governo <a href=”https://t.co/mPAVFB4UkF”>https://t.co/mPAVFB4UkF</a></p>&mdash; Carlo Calenda (@CarloCalenda) <a href=”https://twitter.com/CarloCalenda/status/994573934510202880?ref_src=twsrc%5Etfw”>10 maggio 2018</a></blockquote>
<script async src=”https://platform.twitter.com/widgets.js” charset=”utf-8″></script>

L’inizio della Legislatura

PRESENTE –

E’ iniziata la XVIII Legislatura, questa volta dai banchi dell’opposizione.

Come 5 anni fa oggi sono entrato alla Camera dei deputati ancora con rinnovata emozione.
Ora al lavoro, al servizio del Paese e del mio Territorio con rinnovato impegno e grande passione.

Cordoglio per Rosy Guarnieri: “Donna forte, avversario vero”

Le parole dello “storico” avversario Franco Vazio sulla scomparsa di Rosy Guarnieri

La morte di Rosy Guarnieri segna per Albenga la perdita di una donna impegnata in politica molto determinata e mai doma. Un carattere forte, un linguaggio a volte aspro, mai incline ai compromessi.

Da lei mi ha diviso una profonda distanza di vedute politiche.

Una distanza però che, anche nei momenti e negli scontri politici più aspri, mai ha fatto venire meno un profondo e reciproco rispetto, anche dei ruoli istituzionali che nel tempo abbiamo ricoperto.

rosy-guarnieri-sindaco-albenga-147711.970x300

Appena ho saputo della Sua elezione Le ho subito scritto per congratularmi del risultato. Purtroppo non è riuscita ad assaporare ciò a cui certamente teneva moltissimo. L’elezione alla Camera dei Deputati resta per Lei, per la Sua famiglia e per i Suoi simpatizzanti la giusta  soddisfazione ed il riconoscimento per una vita fatta di battaglie sempre combattute in prima linea e con generosità.

Chiusura di campagna elettorale

Chiusura della campagna elettorale nell’imperiese… E’ stata una bella avventura e una campagna elettorale davvero emozionante e ricca di spunti di riflessioni per il nostro programma: abbiamo la possibilità di proseguire con forza il cammino intrapreso in questi anni, risanamento e crescita economica, diritti, lavoro e tenuta sociale. I cittadini e gli elettorali non possono sprecare questa possibilità: affidare il governo del Paese a persone capaci, competenti e del territorio!

W il Pd!!!

Nuovo circolo Pd a Finale Ligure

La sede si trova in vico Buraggi ed è intitolata ad Attilio “Bruno” Folco.

WhatsApp Image 2018-02-20 at 18.02.21

Abbiamo ricordato una personalità importante per il nostro partito e per la nascita del circolo Pd a Finale Ligure. Bella sede, bella inaugurazione, un momento di festa e ricordo ma anche di riflessione politica nelle fasi concitate della campagna elettorale. Tanta gente, tanti iscritti e simpatizzanti del Pd…

 

Amare la politica, sentire l’impegno per la cosa pubblica come servizio per la comunità, con l’obiettivo di migliorare le condizioni di vita dei cittadini.

Pd, una grande comunità

Oltre 100 persone hanno partecipato alla cena di autofinanziamento a Vadino. Abbiamo parlato, abbiamo provato a spiegare perché è necessario proseguire il lavoro fatto in questi anni di governo: risanamento finanziario e rilancio economico, lavoro, sociale, giustizia e diritti…

Siamo una grande comunità. Grazie a tutti!!!

WhatsApp Image 2018-02-20 at 09.15.02(1)

Area di crisi complessa: il Pd c’è

La firma in Regione da parte del Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda dell’accordo di programma per l’area di crisi complessa è un passaggio fondamentale per il futuro dell’economia savonese e valbormidese.

Qualcuno come la Regione (l’assessore Edoardo Rixi e il presidente Giovanni Toti) sta provando ad accaparrasi meriti non dovuti, contando che il riconoscimento e il via libera per l’area di crisi industriale è arrivato grazie al forte pressing dei parlamentari locali del Pd, grazie al lavoro della Provincia di Savona e del presidente Monica Giuliano, oltre al ruolo decisivo svolto dalle organizzazioni sindacali e al coordinamento tecnico-operativo messo in campo.

800px-Vado-Ligure

L’arrivo delle risorse per l’area di crisi complessa nel savonese (20 mln di euro) rappresenta un risultato storico e fondamentale per il futuro economico del territorio: il progetto di riconversione economica e ripresa occupazionale può così partire con i bandi e l’individuazione dei soggetti imprenditoriali che andranno ad occupare le aree a disposizione.

Credo che sul fronte della rinascita economica di questa provincia abbiamo fatto il massimo: ora è indispensabile concludere alcuni tavoli di trattativa importanti e delicati, come quello sulla Piaggio Aerospace. Sulle vertenze in atto noi siamo stati presenti, abbiamo parlato e fatto pressioni sulle aziende, abbiamo tentato di trovare soluzioni, altri invece non c’erano…

(Qui è possibile consultare tutta la documentazione).

Il patto antifascista: memoria storica e azione politica

Abbiamo sottoscritto il patto “antifascista”: a Vendone, davanti al cippo che ricorda la prima esecuzione di “Fischia il Vento” di Felice Cascione. Ringrazio l’associazione “Fischia il Vento” e l’Anpi del ponente ligure per l’iniziativa.

Il ritorno dei fascisti, degli estremisti e di un passato nefasto impongono una forte azione da parte di tutti noi, non solo a livello di memoria storico-politica ma anche sotto il profilo dell’azione e delle iniziative concrete.

27972679_893812914157886_1540788242708821354_n

La preoccupazione è quella che da parte di alcuni partiti, come la Lega Nord, arrivino segnali inquietanti, con evidenti rigurgiti neofascisti e razzisti contrari ai nostri valori, ai nostri principi democratici e di convivenza civile.

Rinnovare oggi un patto sui valori fondanti della nostra Repubblica e della nostra comunità nazionale è quanto mai attuale e importante, proprio in questo momento storico, difficile e a volte confuso.

Sottoscrivere il patto antifascista significa rinvigorire i valori di libertà, sovranità, uguaglianza, partecipazione, dignità sociale e sviluppo sanciti dalla nostra Costituzione: la Resistenza è dentro di noi, nel nostro Dna e nessuno si deve permettere di cancellarla!

(QUI IL VIDEO)

Di seguito la storia di Felice Cascione: 

Felice nacque a Imperia nel 1918. Al ginnasio della sua città conobbe e strinse amicizia con Alessandro Natta, futuro segretario del PCI. Si iscrisse poi a medicina che frequentò prima a Genova, poi alla Sapienza e infine a Bologna, dove si laureò nel 1942. Durante gli anni universitari fu campione internazionale di pallanuoto, sport che aveva cominciato a praticare fin dall’adolescenza nel porto di Imperia. Nello stesso anno si iscrisse al Partito Comunista Clandestino dal quale era stato avvicinato in segreto alla casa dello studente di Genova. Edificio, oggi di nuovo studentato, che dal ’43 al ’45 fu tristemente noto agli antifascisti liguri poiché sede del comando della Gestapo. Luogo di terribili torture narrato in tutta la sua crudeltà nel libro Il mio granello di sabbia di Luciano Bolis.

Il medico Cascione, U Megu divenne il nome di battaglia, aderì da subito alla resistenza nel settembre del ’43 e costituì la prima banda partigiana dell’imperiese. Alla squadra partigiana comandata da Felice Cascione si aggiunse Giacomo Sibilla, nome di battaglia Ivan, reduce dalla campagna di Russia. Nella regione del Don, Ivan aveva fatto conoscenza con prigionieri e ragazze russe, e da loro imparò la canzone Katjuša. Ivan la portò nella mente con sé in Italia, e una volta in montagna, unendo i versi di una poesia scritti da Felice mentre si stava laureando a Bologna, nacque Fischia il Vento, l’inno più celebre della lotta di Liberazione. La canzone fu cantata per la prima volta a Curenna nel Natale 1943, luogo dove si trova ora il cippo commemorativo di Felice Cascione, che morirà in battaglia, ucciso dai nazisti, soltanto un mese dopo: il 27 gennaio 1944.

Assieme per continuare il cambiamento

“In ogni piazza, per ogni persona… Insieme per continuare l’azione di governo avviata in questi anni: risanamento finanziario, ripresa economica e occupazionale, riforme in tema di diritti e giustizia. Il Pd ha messo in campo ottimi candidati e un programma vincente in grado di affrontare le sfide dei prossimi anni e portare altri benefici al territorio ligure e savonese”

Manifesto elettorale

 

Impegno, passione e competenza

Il parlamentare uscente Franco Vazio: “Onore essere capolista, sfida di grande responsabilità”

WhatsApp Image 2018-01-15 at 12.40.35

E’ un onore essere stato chiamato a rappresentare come capolista il PD nel collegio proporzionale di ponente della Liguria; una candidatura di prestigio che è carica di grandi responsabilità.

Il PD si presenterà alle prossime elezioni in Liguria con liste fortissime e con candidati competenti e fortemente radicati nel territorio.

Sarà una sfida che combatteremo senza risparmiarci, spiegando alle famiglie e alle imprese i risultati eccellenti ottenuti in questa Legislatura, ma soprattutto il grande lavoro che vogliamo completare per rafforzare la crescita economica del Paese, per costruire nuove ed ulteriori opportunità di lavoro per i giovani e per disegnare un futuro per l’Italia fatto di eccellenze dove tutti possano farne parte.

Per i prossimi 5 anni saremo ancora sul territorio e per il territorio perché ne conosciamo le potenzialità e le crisi che sta vivendo e perché non vogliamo abbandonare nessuno alle proprie difficoltà.

Inaugurazione Opere Parrocchiali di San Michele Albenga

opereIo c’ero a giocare a pallone da bambino nel “campetto di S.Michele”, quando Salvatore Nicosia “Nico”, Aldo Fontana, Antonio Olivieri ed il Curato don Pietro Stalla ci insegnavano il calcio e a diventare dei bravi “ometti”.

Io c’ero quando, ragazzo, chiedevamo al Parroco Don Damonte uno spazio più grande per giocare e vivere la Parrocchia.

Io c’ero, ed ero Vice Sindaco, quando in Comune ci hanno presentato il progetto del Polo Scolastico Diocesano e delle Opere Parrocchiali .

Io c’ero con il Sindaco Tabbò quando abbiamo combattuto e vinto le diffidenze di molti – politici, insegnati e tecnici – e poi quando abbiamo dato il via libera al progetto con i soli voti della nostra Maggioranza, perché tutta la Minoranza (Forza Italia e Lega) era uscita dall’Aula.

Io c’ero ieri all’inaugurazione, ed è stato bello perché ho ripercorso tanta parte della mia vita.

Il Coraggio della Diocesi e della Parrocchia a volere un Opera così importante consegna ai nostri giovani un luogo bellissimo dove incontrarsi, guardarsi negli occhi e parlare.

Le Opere Parrocchiali non sono cose del passato e che non servono.
Io e molti miei amici, nelle OP abbiamo giocato, abbiamo discusso e a volte litigato, siamo diventati “grandi” e a nostra volta educatori, abbiamo conosciuto le persone che amiamo e con le quali abbiamo costruito il nostro futuro.

Facebook e gli altri Social, sono una piazza virtuale, importantissima per conoscere e capire, ma l’incontro personale e la comunità reale sono insostituibili.

Grazie a tutti quelli che ci hanno creduto e che oggi hanno reso possibile continuare questa storia bellissima.

Grazie fin d’ora a tutti gli educatori che in questo luogo faranno crescere e diventare “grandi” i nostri figli.

Franco Vazio

Ci ha lasciato Ausilia!

IMG_2891 (600x800)Ci ha lasciato Filippone Elena, per tutti noi Osiglia.

Ci mancheranno il suo entusiasmo, la sua voglia di stare in mezzo alla gente, di adoperarsi per per tutti.

Mi ha abbracciato, rincuorato, spronato con un affetto senza eguali.

Con Lei abbiamo condiviso momenti bellissimi, l’ho vista piangere nei momenti duri e tristi, l’ho vista fare festa urlando la gioia che le veniva dal cuore.

Il Partito Democratico perde una donna che voleva essere semplice, ma che sapeva essere grande nei comportamenti e nella generosità.

Una donna che non sentiva il peso degli anni e la fatica di tante battaglie e che ha saputo animare con l’esempio la vita politica di Albenga.

Il Centro Anziani della nostra città non sarebbe oggi quello che è, se lei come Presidente non lo avesse preso per mano per tanti anni.

Semplicità, entusiasmo, rigore morale e generosità: a me piace ricordarla così.

Anche se da oggi non sarai più con noi, tutto ciò ci aiuterà  e ci ricorderà che le scale del Comune e del Partito si salgono per i bisogni degli altri, degli ultimi.

Così come hai sempre fatto tu.

Ciao Osiglia