Carige, Vazio: “Da Villarosa arroganza, ma nessuna risposta sui debiti del fratello”

“Abbiamo oggi votato il Decreto Carige perché nell’interesse di famiglie e risparmiatori era giusto farlo, come giusto e identici erano il Decreto Mps e tutti i provvedimenti voluti ed approvati dai nostri Governi. Lo abbiamo fatto al cospetto del Sottosegretario M5S Alessio Villarosa, arrogante e sprezzante, ma soprattutto sedicente tutore dei risparmiatori. Un atteggiamento inaccettabile soprattutto da chi come lui non ha ancora fatto chiarezza rispetto alla restituzione dei 550mila dovuti dal fratello Massimiliano alla Banca Popolare di Vicenza”.

Lo dichiara Franco Vazio, vice-presidente della Commissione Giustizia della Camera, a proposito della questione sollevata durante il dibattuto sul Dl Carige.

“Nei mesi scorsi – spiega – anche attraverso atti parlamentari, noi e altre forze politiche abbiamo ricordato come Villarosa abbia lavorato in passato in Idea Finanziaria, la finanziaria del fratello Massimiliano, poi cancellata da Bankitalia per gravi irregolarità e sospetti d’usura. La stessa finanziaria ha dato proprie azioni in pegno alla Banca Popolare di Vicenza per un valore complessivo di 550 mila euro. Abbiamo per questo chiesto se poi quella somma fosse stata poi restituita per fugare il dubbio che i prestiti a Idea Finanziaria non abbiano contribuito a determinare il collasso dell’istituto. Ma i giorni e mesi sono trascorsi senza che lui si sia degnato a fornire una qualche risposta”.

“Sarebbe quindi opportuno che Villarosa la smetta con questi atteggiamenti arroganti e assolutamente inappropriati e fornisca risposte precise e circostanziate. Le famiglie e i risparmiatori possono essere difesi solo da persone che non debbano nascondere il proprio passato ed affiancare alle loro tragedie inquietanti vuoti di memoria. Perché sia fatta al più presto chiarezza ho presentato un’interrogazione sul tema”, conclude.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *